mercoledì 11 maggio 2011

Filastrocca: L'allegra fattoria. Illustrazione di Pamela Scuppa

Ciao bambini, oggi vi presento l'allegra fattoria della mia amica Pam... :-D




Nell'allegra, pazza fattoria 
che la tristezza porta via:
c'è Lella la piccola pecorella
con lo sguardo da monella,
c'è Tino il simpatico cagnolino
che suona sempre il mandolino,
c'è Pina la dolce maialina Rosa
che balla e danza senza posa.
C'è anche il tenero fringuello blu
che canta canta col naso all'insù. 
E nascosto sotto il grande faggio
c'è Peppino il funghetto saggio.


6 commenti:

  1. Bimbi, la mia amica Pam ci tiene a precisare che questa sua fattoria è così allegra perché è vegana e quindi gli animali non vengono uccisi.

    RispondiElimina
  2. Per raccogliere la verdura, vengono solo sfruttati gli uomini, ma nessun animale viene toccato. Africani, cingalesi, sudamericani, cinesi ma anche italiani, a crepare nelle serre a 50° per cinque euro al giorno, per far sì che noi vegani, persone eticamente migliori, possiamo mangiare tutti i giorni senza sentirci in colpa. Per non discriminare, spesso compriamo anche frutti tropicali, come mango, papaya, avocado, ecc. così facciamo un po' divertire i bambini brasiliani, indonesiani, ecuadoregni, che nei loro villaggi si annoiano tanto. Invece così salgono sugli alberi e si tengono allenati, e ciò è utile quando il loro padre crepa dello stesso lavoro. A noi la frutta piace fresca, quindi ce la facciamo trasportare in aerei cargo che facendo su e giù purtroppo inquineranno irrimediabilmente il pianeta, avvelenando e decimando lentamente gli ecosistemi naturali. Però noi la bistecchina da assassini non la mangiamo mica! È crudele!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 90 minuti di applausi.

      Elimina
  3. concordo con ogni parola, mi associo all'applauso

    RispondiElimina
  4. Ma gli animali bevono l'urina e si mangiano la loro cacca ?

    RispondiElimina
  5. Poi ci compriamo vestitini in similcoccodrillo a 4 eurini così i bambini carini sclzini denutritini del terzo mondo possono esserci grati perchè diamo loro lavoro e sostentamento

    RispondiElimina